Quello dell’analisi della buyer’s journey, forse, è un mio pallino, ma da quando l’argomento è diventato diffuso nella bocca degli esperti del settore, non posso fare a meno di citarlo continuamente quando si affianca a considerazioni di marketing.

Nel mio post precedente “Meglio Ad Words o Facebook per il tuo piano marketing?” ho evidenziato come la decisione per un sano piano di marketing non può evitare l’analisi del percorso degli utenti; ora voglio rafforzare la mia considerazione attraverso una nuova visione analitica.

Non so se sapete come funzionano i programmi di affiliazione? Tradedoubler, Tradetracker, Zanox per citare i più grossi. Un sito visualizza sul proprio portale i prodotti di un merchant, abitualmente uno shop online, e quando un utente diventa cliente grazie al publisher, l’e-commerce corrisponde una percentuale del venduto.

Mensilmente il merchant attraverso un pannello di controllo considera le vendite che vengono portate dai publisher. Dico considera perché il merchant ha la possibilità di cancellarle, per diversi motivi, uno di questi è l’attribuzione della vendita ad un altro player pubblicitario.

Il merchant, cioè, ha la possibilità di confermare che il last click, cioè il click decisivo, quello dell’acquisto, può essere attribuito ad un altro “portatore” di visibilità.

Uno studio di Criteo dimostra che “1 transazione su 3 può essere attribuita erroneamente.” Inoltre, sempre secondo a società di performance marketing,nel nostro Paese il 46% di tutte le transazioni, dalla prima visita al sito web fino all’acquisto, ha coinvolto due o più dispositivi.”

Cosa si evince da questi dati? E’ evidente che un’analisi dei dati e dell’attribuzione dei risultati debba essere fatta attraverso le considerazioni di utilizzo multi-device (un utente naviga su più device) e di navigazione dello user (un utente naviga su diversi siti e quindi passa attraverso diverse pubblicità prima di comprare).

Chi ha un e-commerce non può ragionare con l’attribuzione last click, ma deve ampliare la propria analisi al percorso dell’utente lungo l’intenzione di acquisto.

Approfondisci l’argomento “Ecommerce: 1 transazione su 3 può essere attribuita erroneamente senza misurazione Cross-Device” su Programmatic Italia

Scarica l'articolo in pdf - Davide Mare .com | The port for e-Commerce Sailors

 

 

 

Evitare decisioni strategiche di marketing sull’onda dell’ultimo click

 


Pubblica un tuo articolo su davidemare.com,

oppure puoi leggere altre notizie nella categoria News e-Commerce, oppure leggere tanti altri articoli suddivisi per macro argomenti, in particolare: