La parola d’ordine nel commercio di oggi è osare. Tutto è Marketing. Senza non esisti!

La parola d’ordine nel commercio di oggi è osare. Tutto è Marketing. Senza non esisti!Davide Mare .com | The Port For e-Commerce Sailors

Tutto ciò che vediamo è Marketing. Senza non esisti!

Dai messaggi AntiTrump, costruiti ad arte, al green light, il laser verde per endoscopia, che a detta dei dottori attira i pazienti, con la sua luce accattivante, a farsi operare con quella tecnologia rispetto ad un’altra, alle spalle smussate dei personaggi femminili della Lego…

Ma questo è solo l’inizio, già ora il mercato (il market-ing) chiede posizioni nette, chiede riconoscibilità. E’ finito il tempo della Democrazia Cristiana, quel periodo in cui con la pacatezza, l’analisi, la lentezza si proponeva il proprio punto di vista.

Nel periodo attuale, basta guardare le tribune politiche, allora molto più pacate di adesso, o il personaggio cartonato di Vittorio Sgarbi, e si capisce come, solo “l’urlo”, può scappare dall’oblio.

L’ovvietà è dimenticanza, mentre il mercato, e quindi il marketing, desidera le luci della ribalta; per poter partecipare al circo del vincitore bisogna abbandonare la neutralità, bisogna prendere posizione.

Ciò non vuole dire scadere nella grevità, come i “nuovi mostri”, ma semplicemente turbare l’equilibrio precostituito. Red Bull con le sue pubblicità, scarne, fantastiche, nonsense è stato uno dei brand precursori; ed ha lanciato il trend della libertà di espressione.

La libertà di esprimersi di evitare i messaggi perbenisti e rassicuranti.

Il messaggio è chiaro per ogni rivenditore, commerciante, per chiunque voglia entrare sul mercato: il brand deve dire qualcosa di netto, nel bene o nel male.

Abbandoniamo l’ignavia quindi, anche quando produciamo un nostro sito e-commerce, o quando dobbiamo promuovere i nostri prodotti attraverso campagne di marketing. Non dobbiamo essere scorretti, se quello non è il nostro intento, ma cerchiamo di essere noi.

Vogliamo una pagina prodotto che non ha nessuno? Chiediamola ai nostri programmatori. Vogliamo mettere i contenuti del nostro blog all’interno della scheda prodotto. Facciamolo? Niente è sbagliato, a meno che l’esperienza o i dati sconfessino i nostri operati.

Con il nostro e-commerce dobbiamo osare. Mi accorgo sempre più spesso che i siti incominciano ad essere tutti uguali, tutti abituati al conformismo. Basta diamoci un taglio e osiamo. Diciamo la nostra. Tutti si ricorderanno di noi.

E come dice l’illuminante Martin LindstromE’ arrivato il momento di cambiare uno dei principi base del branding. In passato, volevamo che tutti amassero il nostro prodotto; in futuro, il nostro obiettivo sarà quello di essere amati da alcuni, odiati da altri, ma ignorati da nessuno. Non lasciate che email di odio vi turbino. Nutritivene, fintanto che i vostri fan e seguaci esprimono una simile, ma opposta, passione.

Approfondisci l’argomento “Oscar e Super Bowl, i messaggi anti-Trump sono solo marketing” su Il Fatto Quotidiano

Scarica l'articolo in pdf - Davide Mare .com | The port for e-Commerce Sailors

 

 

 

La parola d’ordine nel commercio di oggi è osare. Tutto è Marketing. Senza non esisti

 


Pubblica un tuo articolo su davidemare.com,

oppure puoi leggere altre notizie nella categoria News e-Commerce, oppure leggere tanti altri articoli suddivisi per macro argomenti, in particolare: