Non so se ve ne siete accorti, ma l’abitudine di utilizzare parole ad effetto per attirare l’attenzione del pubblico è sempre più abituale.

Pensate ai giornalisti che usano indiscriminatamente la parola “tragedia”, “strage”, “miracolo”, per eventi apparentemente scollegati al significato profondo del vocabolo.

La consuetudine all’utilizzo porta chiaramente ad una assuefazione da parte del pubblico che non riconosce, nel breve, alcuno stimolo speciale al richiamo del lessema.

Così è pure per il mondo del cinema, provate a pensare quante volte avete sentito la parola “segreto” in qualche serie o film televisivo. Faccio 3 esempi: la serie tv culto degli anni 90 “I segreti di Twin Peaks”, il film western degli anni 2000 “I segreti di brokeback mountain”, e la soap opera degli anni 2010 “Il Segreto”. Incontriamo la parola “segreto” attraverso gli ultimi 3 decenni.

Anche io ho voluto attirare l’attenzione attraverso questo artificio linguistico, ma oggettivamente di segreti per il posizionamento organico c’è ne sono pochi e tutti abbastanza palesi. Vuoi perché le dinamiche ormai sono abbastanza cristalline e sopra la bocca di tutti, vuoi perché in realtà l’algoritmo (c’è solo l’algoritmo!?) non lo conosce nessuno.

Detto ciò credo che attraverso la mia esperienza abbia capito fondamentalmente una cosa. Le campagne di marketing stanno raggiungendo livelli di costi insostenibili, perché i bid stano aumentando vista la concorrenza di nuovi player e perché i margini dei merchant stanno conoscendo un tracollo.

Quindi si devono setacciare nuove strade per produrre un traffico qualitativo ad un costo sostenibile. Ed è in parte per ciò che è nato l’inbound marketing, quella branca dell’advertising che cerca di produrre un ingresso del cliente su un sito in maniera il più possibile naturale.

Quindi a parte tutti i consigli che possono affollarci la testa o le frasi fatte che si possono trovare sul web, l’unico sistema che trovo oggettivamente interessante e fattibile per aumentare il traffico di qualità di un sito e-commerce è quello di produrre contenuti.

Per un e-commerce produrre contenuti significa materialmente due cose:

  1. riscrivere le schede dei prodotti,
  2. produrre contenuti per informare il cliente.

Alcune attività sono sicuramente interessanti; parlo della promozione sui social network, della collaborazione con influencer, ma sono convinto che il segreto per posizionarsi per bene su google sia quello di produrre contenuti.

E voi mi potreste dire: “Bravo Davide lo dicono tutti da anni!”, è vero, e ne sono conscio, ma io aggiungo un consiglio.

I contenuti che realizzate devono avere 3 caratteristiche:

  1. Contenuti lunghi: “Google attribuirà sempre maggiore importanza ai contenuti che vanno in profondità negli argomenti, ovvero i cosiddetti in-depth content. Prova ne sia che le pagine meglio posizionate, in base agli studi di Backlinko, sono proprio quelle che hanno all’incirca 1900 parole.”
  2. Pubblicazione Costante: dovete essere continuamente attivi
  3. Inserimento sul sito di proprietà: Non utilizzate solo i social network. I social servono solo per promuovere e viralizzare i vostri contenuti.

Produrre contenuti per Facebook sicuramente porta attenzione al vostro marchio, ma non state lavorando per voi, state lavorando per Facebook. Questo è da tenere in considerazione. Il contenuto rimane su Facebook.

Capisco, da un po’ di mesi, che tutti sono venuti a conoscenza del “segreto” ed incominciano a lavorarci su, peccato però che in molti hanno percepito una mezza verità, e continuano a stupirsi che i loro contenuti non riescano a portare traffico sufficiente per ammorbidire la spesa del marketing a pagamento.

Ora vi ho detto la mia opinione e forse avrei fatto meglio a pensarla come Giulio Andreotti che intepretato da Tony Servillo nel “Il Divo” disse: “Chi non vuol far sapere una cosa, in fondo non deve confessarla neanche a se stesso, perché non bisogna mai lasciare tracce.”

Approfondisci l’argomento “I fattori di ranking di Google nel 2017” su Ninja Marketing

Scarica l'articolo in pdf - Davide Mare .com | The port for e-Commerce Sailors

 

 

 

I segreti per avere un sito e-commerce visibile su Google

 


Pubblica un tuo articolo su davidemare.com,

oppure puoi leggere altre notizie nella categoria News e-Commerce, oppure leggere tanti altri articoli suddivisi per macro argomenti, in particolare: